Cos’è l’erosione dello smalto?

L’erosione dello smalto rappresenta la dissoluzione/distruzione del tessuto dentale dovuta all’azione degli acidi. Può interessare tutte le superfici dentarie facendole apparire levigate, molto lucide e prive di evidenti irregolarità.
Si distingue dalla carie dentaria poiché non prevede l’azione dei batteri cariogeni. Nel caso in cui l’erosione porti ad un assottigliamento eccessivo delle strutture dentarie, queste si possono rompere facilmente anche se sottoposte a carichi masticatori non particolarmente intensi.
Questa condizione può presentarsi a tutte le età, ma spesso passa inosservata rendendo i denti sempre più vulnerabili.

Quali sono le cause?

I principali responsabili dell’erosione dello smalto sono gli acidi, che si possono distinguere in estrinseci ed intrinseci.
Gli acidi estrinseci vengono introdotti con la dieta e sono rappresentati in particolare da cibi e bevande carbonate (come ad esempio la Coca-cola o altre bevande gassate); gli acidi intrinseci, invece, vengono prodotti dal nostro organismo e si caratterizzano per l’elevata acidità (pH= 1.0) e per l’elevato potere corrosivo. La produzione di quest’ultimi è favorita principalmente dalle patologie correlate ai disturbi alimentari, quali la bulimia nervosa (quindi il vomito) e il reflusso gastro-esofageo.
Non tutti i cibi con pH acido rappresentano un fattore di rischio per l’erosione dello smalto; alcuni alimenti, infatti, possono essere consumati senza problemi, come ad esempio lo yogurt.


Come prevenire l’erosione dello smalto?

I principali accorgimenti da seguire sono:

  • Ridurre la frequenza di consumo di cibi e bevande acide
  • Sciacquare la bocca con un bicchiere d’acqua naturale dopo ogni pasto ed aspettare 20-30 minuti prima di lavare i denti
  • Utilizzare uno spazzolino a setole morbide
  • Spazzolare i denti almeno due volte al giorno, al mattino e prima di coricarsi
  • Fare controlli regolari dal dentista